Farmers’ Market: la mia scoperta londinese

Una cosa che accomuna noi italiani è sicuramente l’amore per il cibo! Spesso quando viaggiamo, uno dei terrori principali è quello di non trovare nulla di buono da mangiare, ma fortunatamente la maggior parte delle volte non è così!
Credo fermamente che gran parte dell’esperienza di un viaggio, qualunque sia la destinazione, sia fatta dall’immergersi in toto nella cultura del posto, compresa quella culinaria.
E’ abbastanza risaputo però, che la cucina inglese non è una delle migliori al mondo. O meglio, la scelta sui piatti tradizionali inglesi non è di certo così vasta come in altri paesi ma, come già avevo spiegato in un altro post, la fortuna che si ha quando si arriva a Londra è quella di poter provare un numero elevato di differenti cucine provenienti da tutto il mondo.
Il problema sorge quando un bel giorno vuoi startene bello tranquillo a casuccia e, da buon italiano, decidi di preparare uno di quei piatti che farebbe persino inviadia alla tua nonna!

Bene. Iniziamo con il fare la spesa!
Lasciando perdere tutte quelle cose inguardabili che si trovano qui sugli scaffali dei supermercati tipo spaghetti in lattina o condimenti per pasta in contenitori di plastica, ecco che arrivi di fronte al banco frutta e verdura.
Al primo impatto dici: “Wow che bella! E che colori questa frutta!”.
Poi di fronte al banco della carne, anche se con un po’ di scetticismo, ti lasci convincere e anche lì riesci a trovare qualcosa da comprare!
Insomma, quando ti sembra di aver trovato il supermercato giusto, riempi il carrello come se non ci fosse un domani, salvo poi pentirtene appena dopo aver cucinato le prime verdure o la prima “bistecca”!
Se sei fortunato la verdura saprà quasi solamente di acqua e la carne di plastica! Non sempre eh, ma spesso!

Ecco che qui entra in gioco la mia scoperta londinese in fatto di cibo: i Farmers’ Markets.
Cosa sono questi “quasi” sconosciuti? Questi Farmer’s Market non sono altro che mercatini esclusivamente di cibo dislocati in diversi quartieri della città.
La cosa che adoro di più in tutto questo è che, ciò che compro qui è prodotto dalla persona che me lo sta vendendo, magari nella sua farm oppure nei sui campi della campagna inglese.
E potrete comprare differenti tipi di carne (lamb, beef, pork, chicken), formaggi, frutta e verdura, uova, marmellate e confetture e molto altro! E allora ogni prodotto saprà proprio del suo giusto sapore, niente acqua o plastica!
Infine, cosa da non sottovalutare, i prezzi non sono poi così superiori rispetto a quelli dei supermercati!

Dove si trovano i Farmer’s Market? Cercate il più vicino a voi nell’elenco qui sotto trovato direttamente sul sito dei farmers’!

Immagine

Immagine

Vi ho convinti a fare una nuova spesa? 🙂

5 commenti

  1. Premetto che prima di metterci piede per la prima volta, non è che Londra mi attirasse più di tanto.
    E’ bastata una coincidenza di 5 ore per farmela scoprire per la prima volta.
    Ed il caso ha voluto che scendessimo alla fermata di London bridge, proprio dinanzi al Borough market ed è stato amore a prima vista! Ora ci tornerei ogni volta che è possibile.

    Fabio

    1. Si è davvero un bel market quello, “purtroppo” ora sta diventando molto molto turistico e i prezzi si stanno alzando!

  2. Grazie del consiglio! Non avevo mai preso in considerazione i Farmer Market, perche’ di solito non sono per niente convenienti (vedi Burough Market). Ma vale la pena provare, e dal momento che ho visto che ce n’e’ uno a due passi da casa mia, perche’ no 🙂

    1. Il Borough Market credo sia un’eccezione, forse perché ora molto turistico è diventato davvero molto caro!
      Prova uno degli altri e fammi sapere 🙂

  3. […] Alla pagina di VisitLondon relativa ai food market potete trovare un elenco dettagliato dei più importanti mercati della città, inclusi i Farmer’s Market di cui già vi avevo parlato in questo post. […]

Lascia un commento