Dove dormire nel Regno Unito: 3 B&B che vi consiglio

Non c’è modo migliore di entrare in pieno contatto con la cultura britannica, se non alloggiando in uno dei numerosissimo Bed and Breakfast di tutto il Regno Unito.
Si, ne sono certa. E ora provo a spiegarvi il perché.

bed-and-breakfast-beccles

La formula B&B è ormai in voga da moltissimi anni anche nel nostro paese, ed è una di quelle soluzioni che – con prezzi più o meno contenuti – offre sempre sistemazioni per tutte le tasche e le esigenze dei viaggiatori.
Ma io non voglio parlarvi dei B&B in generale che ampiamente già conoscerete. Voglio parlarvi proprio di quelli inglesi, in cui ho avuto modo di passare parte delle mie notti in viaggio – dalla Scozia al Galles, dall’Inghilterra del sud a quella del nord.

Alloggiare in un B&B (assolutamente da non confondere con un ostello o un albergo che offre la formula B&B) significa entrare nella casa, nelle tradizioni e nelle abitudini di una famiglia del luogo che ha deciso di mettere a disposizione la propria abitazione e soprattuto la propria ospitalità per coloro che, il loro territorio non vedono l’ora di esplorarlo.
Ogni B&B è una storia, e quelli inglesi sono la storia del Regno Unito delle campagne, dei campi coltivati, del bestiame, di chi ha deciso di lasciare la città per tornare nei luoghi d’origine e di chi ancora vive su queste attività a conduzione familiare.
Alloggiare in un B&B inglese è una vera e propria esperienza di viaggio, la quale inizia sempre con un rito immancabile: quello del tè.
A qualunque ora voi arriviate (generalmente il mio check-in è sempre stato nel pomeriggio) sicuramente troverete ad aspettarvi una tazza di tè fumante con dolcetti tipici a cui non riuscirete a dire di no. Da quel momento inizierete a sentirvi quasi parte della famiglia – infondo per qualche giorno lo sarete davvero e vi sentirete coccolati quasi da non volervene più andare.
Il secondo rito che caratterizza i B&B inglesi è sicuramente quello della colazione, inglese anche quella. Quello che apprezzerete di più non sarà il cibo in sé che vi verrà servito, ma l’amore e la dedizione con cui i proprietari vi cucineranno ogni leccornia – raccontandovi l’origine di quel determinato piatto, la storia dei produttori di quell’altro ingrediente e mostrandovi un certo orgoglio per quelle gustosissime uova trovate al mattino nel loro pollaio.
Il Regno Unito dei B&B è questo. E’ radici profonde, passione, dedizione, è  amore per la propria storia, la propira terra.

Ecco allora tre dei B&B in cui abbiamo avuto la fortuna di alloggiare nei nostri svariati giretti inglesi, e di cui ho i migliori ricordi.

Rock Cottage and Scoveston Grove: questo accogliente B&B si trova nel sud del Galles, e più precisamente nel Pembrokeshire. I proprietari, Sue e Ray, si sono subito fatti riconoscere per la loro straordinaria ospitalità, la voglia di conoscere le storie dei loro ospiti e la disponibilità nell’aiutarli ad orientarsi nella zona.
Sue, con cui abbiamo avuto la fortuna di mantenere i contatti anche tramite la loro pagina Facebook, è una straordinaria cuoca che ogni giorno per la colazione dei suoi ospiti prepara dolci, brioches e qualunque altro ben di Dio possa soddisfare il loro palato.

10401434_767021770007047_5732885162031350310_n

Ardarroch Cottage: questo B&B invece, si trova in Scozia – nei pressi di Fort Williams – e ci ha accolto per una notte durante uno stupendo on the road. Posizionato alla periferia della cittadina scozzese, questo B&B è costituito solo da un paio di stanze, il che significa – avendo pochi ospiti alla volta – potersi dedicare a loro in modo più attento e minuzioso.
Ricordo un’enorme stanza con vista sul Lago Eil ed un’immensità di verde tutt’attorno, rallegrato dall’arrivo di qualche cerbiatto alle prime ore del mattino.
Se mai capiterete da quelle parti, non perdetevi l’occasione di assaggiare il loro ottimo salmone a colazione!

foto (4)
The Grove: anche questo B&B si trova in Galles, questa volta al nord però. Gerry e sua moglie – i due proprietari – sono stati coloro con cui abbiamo intrattenuto una delle più lunghe conversazioni appena arrivati da loro.
La casa è a dir poco stupenda, e Gerry è un pozzo di nozioni sul suo territorio. Ogni giorno a colazione, dopo averci accolti con un saluto nella sua lingua gallese, ci ha fornito così tante informazioni sul North Wales da non riuscire a immagazzinarle tutte nelle nostre testoline. Un vero amante della sua terra, uno di quelli che sono fieri di mostrarla agli stranieri.

foto

 

4 commenti

  1. […] nostro viaggio in modo da poter anche prenotare i pernottamenti. Come vi avevo già detto in questo post, a mio avviso i migliori luoghi dove pernottare sono i classici Bed and Breakfast nei quali è […]

  2. Hai proprio ragione, un b&b nel Regno Unito è una vera e propria esperienza di viaggio – che può capitare soltanto lì 🙂
    Anch’io li adoro, e cerco di scegliere sempre questa sistemazione durante i miei (tanti) viaggi da quelle parti: oltre al fatto di avere un rapporto qualità/prezzo decisamente migliore rispetto agli alberghi, mi piace tantissimo la loro atmosfera calda ed accogliente, come se ti trovassi in famiglia… e il fatto di poter chiacchierare amichevolmente con i proprietari e gli altri ospiti, scambiandosi storie ed esperienze.
    E le colazioni spesso sono davvero da leccarsi i baffi 🙂

    1. Vero Serena, è proprio tutta l’esperienza del vivere per qualche giorno in un B&B che è stupendamente piacevole!

  3. […] nei classici B&B. Il modo migliore per conoscere un luogo, come già vi avevo spiegato qui, è vivere a stretto contatto con le persone che ci abitano da sempre, che ne conoscono la storia […]

Lascia un commento