Cosa vedere a Gent, perla nascosta delle Fiandre

cosa vedere a gent

Desideravo visitare le Fiandre ormai da tempo. Video, fotografie e articoli sul web negli ultimi mesi non hanno fatto altro che aumentare questa mia voglia. Così, proprio nel periodo più magico dell’anno io e Lorenzo siamo finalmente atterrati a Bruxelles per visitare le due maggiori perle fiamminghe: Gent e Bruges.

Cosa vedere a Gent
Photo by Lorenzo Reffo

Oggi voglio raccontarvi cosa vedere a Gent, come la città a prima vista mi ha colpita, le sue tradizioni che ben si mescolano alla modernità, i suoi scorci e il freddo di Dicembre che penetra le ossa ma che affascina come sempre sa fare nei paesi nordici.
Due giorni sono sufficienti per visitare la città, ecco quindi qualche mio personale consiglio per visitare Gent, ciò che mi ha colpito e non andrebbe perso.

Cosa vedere a Gent?

Gent, Gand in francese, è una cittadina sull’acqua. Non aspettatevi certamente una città come Venezia, eppure il fiume Lys la disegna attraversandola in modo particolarmente romantico. Alcuni scorci migliori si hanno infatti lungo Graslei e Korenlei, le due sponde del fiume in centro città. Qui gli storici e tipici palazzi in stile fiammingo si mescolano ai locali e ai ristoranti in riva al fiume colmi di persone che vogliono godersi il panorama.

cosa vedere a gent
Photo by Lorenzo Reffo
Cosa vedere a Gent
Photo by Lorenzo Reffo
cosa vedere a gent
Photo by Lorenzo Reffo

Gent è una città decisamente a misura d’uomo, per scoprirla il miglior modo è muoversi a piedi e perdersi per le sue vie, scovarne gli angoli più insoliti e i quartieri più belli, come Patershol ad esempio.
Questo quartiere riporta indietro nel tempo coi suoi caratteri medievali ma rimane ancora oggi molto attuale grazie ai numerosi locali etnici e non, che proprio qui hanno trovato il loro posto. Un tempo Patershol fu zona di proprietà militare, poi quartiere di importanti magistrati ed avvocati, ed oggi è una delle parti residenziali più in voga della città. Nella sua silenziosa tranquillità, se cercate un localino tipico o un ristorante dove gustarsi una buona cenetta, Patershol è certamente il posto giusto.

cosa vedere a Gent
Photo by Lorenzo Reffo
cosa vedere a gent
Photo by Lorenzo Reffo

Proprio tra le vie di Patershol, a dimostrazione che antico e moderno possono facilmente convivere, si trova una delle più belle opere di street art di ROA, artista originario di questa città.

cosa vedere a gent
Photo by Lorenzo Reffo

ROA è solito disegnare sempre in bianco e nero animali che sono tipici dei luoghi in cui sta lavorando. Ho desiderato tanto vedere i suoi famosi conigli e, anche se questa non è la sua unica opera in città, ammetto che rimane la mia preferita nonché quella più ricercata dagli appassionati.
La street art di Gent è una vera colonna portante di quello che è il carattere della città. Molti sono gli scorci dove poterla assaporare ma camminare lungo Werregarenstraat è il modo perfetto per goderne pienamente. Si tratta di un vicolo del centro città i cui muri sono interamente tappezzati da murales dai differenti temi e colori.

cosa vedere a gent
Photo by Lorenzo Reffo
cosa vedere a gent
Photo by Lorenzo Reffo

La domenica mattina poi, Gent mi ha davvero lasciata a bocca aperta. Alle nove circa la cittadina era ancora quasi completamente deserta, i primi negozi stavano lentamente aprendo e le bancarelle dei mercatini di Natale erano ancora chiuse per la maggior parte. Poche persone in giro ed una città da scoprire nella sua maggiore tranquillità.

cosa vedere a gent
Photo by Lorenzo Reffo

Dall’alto poi, come tutte le città del resto, regala nuove prospettive e scorci davvero bellissimi. In città si trovano tre campanili in stile medioevale; tra questi, la torre di Belfort è quella su cui si può salire (a piedi o con un ascensore) e godere del panorama sulla città da un’altezza di circa 90 metri.

cosa vedere a gent
Photo by Lorenzo Reffo

Una cosa che mi ha davvero colpita della città, oltre all’atmosfera molto romantica, è l’architettura di Gent. Le case, i tetti che sembrano quasi disegnati, i campanili e le chiese sono davvero speciali, a volte quasi da libro.
Dal St. Michael’s Bridge si ha una bella visuale di tutto ciò: il fiume e le case che in esso si specchiano, la Chiesa di San Nicola e la Cattedrale di San Bavone.

cosa vedere a Gent
Photo by Lorenzo Reffo

Come raggiungere Gent?

Dall’aeroporto di Bruxelles con il treno si raggiunge, in un’ora di viaggio e con un biglietto da circa €15, la stazione di Gent Sint Pieters. Da qui, per raggiungere il centro città il modo migliore è utilizzare i bus o il tram; i biglietti sono acquistabili direttamente sul mezzo oppure agli appositi distributori.

Dove mangiare a Gent?

Essendo una città universitaria e quindi brulicante di giovani studenti, Gent offre numerosi ristoranti dove mangiare a prezzi modici e locali dove gustare la famosissima birra belga. Sconsiglio, nonostante la magnifica posizione in cui si trovano, di provare i vari ristoranti lungo il fiume; spesso si tratta di trappole per turisti dove il costo non sempre corrisponde poi alla qualità. Consiglio invece, come già dicevo, di recarsi nel quartiere Patershol dove numerosi ristoranti offrono invece ottimo cibo e sono frequentati molto più dai locali che dai turisti.
Noi abbiamo provato il ‘tKlokhuys dove abbiamo mangiato piatti tipicamente fiamminghi: Flemish Beef Stew, stufato di manzo cucinato con la birra e servito con le loro tipiche patatine fritte, e Waterzooi, una zuppa del luogo cucinata con pollo e varie verdure.
Se invece amate la birra e non volete perdere l’occasione di provarne qualcuna che difficilmente si trova in Italia, andate al Trollekelder; si tratta di una pub che conta più di 180 tipi di birre diverse che però non offre cibo se non veloci spuntini.

Se decidere di visitare il Belgio, non perdetevi assolutamente le Fiandre e questa città considerata la vera perla segreta d’Europa.

Per ulteriori foto sul mio viaggio a Gent non perdetevi la mia gallery su Instagram!

4 commenti

  1. Gent mi manca ancora.. ma me ne sono già innamorata da quando ho iniziato a vederne le immagini!
    Quanta street art poi!
    E’ lì nelle mete nel cassetto grazie ai voli economici da Milano.. nel 2016 credo proprio che riuscirò ad andare!
    Complimenti per le foto!!

    1. the LondonHer dice: Rispondi

      Grazie Elisa, se ne hai occasione merita davvero un giretto tanto bastano un paio di giorni 🙂

  2. L’anno scorso abbiamo visitato Bruxelles e Bruges. Mi sono ripromesso di ritornare per visitare Gente ed Anversa e da quello che vedo dalle tue foto e dal tuo racconto, Gent merita senz’altro una visita.

    Fabio

    1. the LondonHer dice: Rispondi

      Eh si, allora devi proprio tornare per vedere Gent!

Lascia un commento