Belgio
comments 10

Cosa vedere a Bruges in un giorno

Vi è mai capitato di non vedere l’ora di visitare un luogo, di avere delle aspettative molto elevate e poi di rimanerne un pochino delusi?
A me è successo proprio pochi mesi fa durante il mio prima viaggio nelle Fiandre. Bruges infatti, cittadina che ho bramato con tutto il cuore, mi ha lasciato un po’ di amaro in bocca. Quell’amaro che lasciano luoghi di cui hai sentito parlare solamente in modo positivo, che hai immaginato per tanto e che ti hanno fatto sognare,  ma che – ahimè – si sono poi mostrati un po’ diversamente.
Non vi sto dicendo che Bruges sia un’orribile meta per un vostro possibile viaggio, né che non mi sia per niente piaciuta. Sto dicendo che, nonostante sia molto osannata, l’ho trovata una classica città turistica che – a mio avviso – non ha nulla di più rispetto ad altre città fiamminghe, come ad esempio Gent.
Il fatto che Bruges sia la città più famosa delle Fiandre, nonché la più turistica, fa anche si che sia quasi in ogni momento dell’anno carica di turisti. E voi sapete che spesso i luoghi più frequentati sono anche quelli più difficili da godere in modo autentico.
Ecco la differenza che ho trovato tra Gent e Bruges: la prima è quella più autentica, quella che – sempre secondo il mio parere – mostra in maggior modo il carattere locale, la seconda è quella decisamente più turistica e un po’ più “commerciale”.

cosa vedere a bruges

Bruges – Ph by Lorenzo Reffo

Per un completo viaggio nelle Fiandre però, una tappa qui non può mancare; ecco allora cosa vedere a Bruges in un giorno.

Piazza Markt

La piazza principale di Bruges, insieme a Piazza del Burg, rappresenta uno dei luoghi migliori per apprezzare l’architettura della città.
Le casette colorate, i tetti che sembrano disegnati e i ristoranti al primo piano – lo devo ammettere – sono davvero un quadretto molto romantico. Visto sia di giorno illuminato dal sole che di notte acceso di luci,  questo scorcio di Bruges merita i vostri occhi e gli scatti della vostra macchina fotografica.

Cosa vedere a bruges

Piazza Markt – photo by Lorenzo Reffo

I musei

Sapete per cosa sono (anche) famose le Fiandre? Per il cioccolato, la birra e le patatine fritte. Potevano mancare dei musei interamente dedicati a queste tre tipicità fiamminghe? Chiaramente no!
A Bruges si trovano infatti il museo del cioccolato, quello della birra e quello delle patatine fritte. Noi abbiamo optato per vedere i primi due.
Il museo del cioccolato mostra su un percorso dislocato su differenti piani, molte curiosità a partire dalla pianta di cacao fino all’utilizzo che ne si faceva nell’antichità per poi passare a tempi più moderni. A mio avviso il momento più bello della visita è però quello in cui è possibile assistere ad una dimostrazione pratica messa in atto dai maestri cioccolatai che lavora al museo. Circa quindici minuti di puro godimento nei quali è possibile vedere con quale magistrale bravura viene temperato il cioccolato, vengono creati cioccolatini e poi farciti, con una simultanea spiegazione delle varie fasi di lavorazione spiegate in tre differenti lingue (inglese, francese e fiammingo)
Il museo della birra invece, ha visto molto più interessato Lorenzo – grande amante del genere. Ammetto che, non essendo invece io un’amante della birra, ho potuto allo stesso modo apprezzare il museo grazie al carattere interattivo che permette a chiunque di interagire col museo stesso grazie a tablet messi a disposizione dallo staff.
All fine della visita inoltre, il museo offre la possibilità di degustare le birre locali; infatti al momento dell’acquisto del biglietto del museo è possibile scegliere l’opzione che comprende solo la visita oppure quella che comprende la visita più la degustazione (di 3 o 5 birre).

Il beghinaggio

Cosa vedere a Bruges? Il beghinaggio; si tratta di un edificio di case poste su quattro lati e che al centro sono contornate da un verdissimo giardino.
Chi sono le beghine? Le beghine erano un ordine cattolico di donne che, nubili o vedove, avevano deciso di riunirsi e di sostenersi a vicenda facendo voto di castità e di obbedienza ma non di povertà, potendo riuscire a vivere lavorando.
Il beghinaggio è un luogo a mio avviso speciale, un po’ fuori dal mondo dove vige ovviamente il silenzio. Il colore bianchissimo delle case misto a quello verde dei prati fioriti di narcisi è qualcosa di puro e semplice.
Una visita qui è un piccolo santo nel passato, un luogo che, chi visita Bruges, non si può perdere.

cosa vedere a bruges

Beghinaggio di Bruges – Ph by Lorenzo Reffo

I canali e i suoi riflessi

Bruges è un via vai di canali e ponticelli, di riflessi e barche che lasciano scie sull’acqua durante le rotte turistiche che portano alla scoperta della città da un differente punto di vista.
Certamente, questo è il lato più romantico di Bruges; nonostante il freddo e l’aria gelida che spesso soffia tra le vie della città, i disegni che si cerano e i riflessi che si muovo nell’acqua sono uno degli elementi che – sono certa – rende famosa Bruges in tutto mondo. E questo, a mio avviso,  è il suo vero carattere; quello romantico e semplice di una cittadina dalle dimensioni contenute che abbraccia ogni persona decida di visitarla. Purtroppo è proprio questo l’aspetto che viene spesso a mancare durante i periodi nei quali l’affluenza dei turisti è elevata.

cosa vedere a bruges

Bruges – Ph by Lorenzo Reffo

cosa vedere a bruges

Bruges – Ph by Lorenzo Reffo

Come arrivare a Bruges?

Dall’aeroporto della capitale belga, il viaggio in treno Bruxelles Bruges dura circa un’ora e i biglietti possono essere acquistati proprio alla stazione di partenza.
Se invece vi trovate a Gent, per raggiungere Bruges basterà partire dalla stazione di Gent Sint Pienters e in circa 40 minuti sarete a destinazione. Qui potete trovare prezzi, orari e – se volete – prenotare il vostro viaggio.

Tornerei a Bruges? Certo che si.
Nonostante gli attimi di delusione, avendo visitato la città durante il periodo natalizio, credo che Bruges vada vista in un altro periodo dell’anno, nonostante la magia del Natale sia sempre qualcosa di speciale.

Per ulteriori foto di Bruges e dei miei viaggi, segui la mia gallery su Instagram!

10 Comments

  1. Oddio anch’io la bramo con tutto il mio cuore, e spero che quando finalmente la vedrò sia all’altezza delle mie aspettative, che sono MOOOLTO alte, com’erano le tue!

    • the LondonHer says

      Se andrai in periodo di non altissima stagione credo la apprezzerai totalmente!

  2. Confermo tutto e mi ci ritrovo un sacco! Bruges è meravigliosa <3

    Secondo me è molto interessante anche soffermarsi a bere la sua birra artigianale nei pub storici della città.

    Elisa

    • the LondonHer says

      Vero Eli, noi purtroppo non avevamo avuto molto tempo ma lo abbiamo fatto a Gent!

  3. Capisco esattamente ciò che intendi; se sostituissi la parola “Bruges” con “Parigi” otterresti il mio pensiero riguardo la capitale francese (troppa fama rischia di lasciare l’amaro in bocca).
    Comunque sogno di visitare le Fiandre senza preferenze per alcuna città…chissà, magari così non rimarrò delusa!

  4. Io e il mio fidanzato visiteremo il Belgio in aprile (sperem!) e Bruges ovviamente farà parte dell’itinerario, così come Gent. Perciò faremo tesoro di questi consigli, grazie!

    • the LondonHer says

      Grazie a te Chiara per essere passata sul blog, e spero che le info ti potranno tornare utili!

  5. A me è piaciuta, ma ho visto solo Bruxelles e Bruges 🙂 Sono andata in novembre e mi ricordo una città bella ma fredda da morire! Bell’articolo!
    Cristina

    • the LondonHer says

      SI in effetti il freddo credo la caratterizzi spesso questa città! Non ti dico a Dicembre 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *